Popolo del web? E’ un problema di “sussunzione”

Prendiamola alla larga. Il problema del “popolo del web” è il problema della “sussunzione”, brutta parola per dire “tutti gli individui/cose/ecc. che rientrano sotto un concetto”. Poi, certo, ci sono le cattive abitudini dei giornalisti, l’ignoranza della rete e delle sue dinamiche e via dicendo. Ma al fondo, è un problema di sussunzione, ovvero del rapporto tra singoli e universale.

Un nuovo post sul blog di Reset. (Kantianamente parlando).

Annunci

Un nuovo blog. Su Reset

Nei mesi scorsi è uscito l’ultimo numero (il 129) della versione cartacea di Reset, la rivista per cui lavoro in vari modi (ho iniziato facendo l’impaginazione con Quark Xpress) da 13 anni. Ora Reset c’è solo nella versione on line inaugurata oggi con un bel dossier filosofico e altri articoli e interviste che vi consiglio.

Da oggi la rivista fondata da Norberto Bobbio e Vittorio Foa ha anche una raccolta di blog di vario genere. Io, con sommo sforzo di fantasia, ho partorito oggi il mio AVANTI POPOLI!

Il primo post l’ho dedicato alla “giravolta” di Michele Serra sul “popolo del web”.
Ogni tanto scriverò là e ogni tanto qua.

I co.co.pro. di Grillo

Dopo la vittoria di Beppe Grillo a Parma e in altri comuni ho scritto questo articolo per Europa.

Un “contratto” precario e al passo con i tempi, quello di Grillo con i suoi. Ma che forse domani potranno chiedere di rivederlo, di divenire liberi professionisti. Già, perché il rapporto tra Beppe e il Movimento non è di assunzione a tempo indeterminato, figuriamoci, l’affiliazione per tutta la vita al partito è finita, neanche il Pd riesce a star tranquillo col suo zoccolo duro. Ma neanche co.co.co. La collaborazione è coordinata sì ma sempre meno e continuativa. Piuttosto finora è stato un co.co.pro., contratto a progetto, con l’obiettivo di arrivare, di conquistare il palazzo.

Ma poi?