A colloquio con David Weinberger

Ho fatto un’intervista su Europa a uno dei migliori “filosofi della rete” (anche se lui dice di no, che non è un filosofo) in circolazione.

Troppa informazione, troppe nicchie, troppa superficialità, troppe bufale, troppa velocità, e via così, tanto che la lista dei “troppo” abbinati alla rete potrebbe allungarsi a dismisura. Sembra che l’arma in mano alla tradizione per aggredire le novità che il web porta con sé sia l’accusa della sovrabbondanza e dell’eccesso sempre e comunque.
David Weinberger, tra gli autori del mitico Cluetrain Manifesto, prende di petto la questione del “troppo” fin dal titolo del suo ultimo libro uscito da qualche settimana negli Usa, Too big to know (Basic Books), ovvero troppo grande per essere conosciuto.

Continua a leggere

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...