Tam-tam Facebook, i referendum sui social network

I social network sono fatti apposta per i tormentoni, come è successo ad esempio nella campagna elettorale delle amministrative dopo il faccia a faccia tra Moratti e Pisapia. Le piazze telematiche hanno questa speciale capacità di mobilitare, di creare seguito intorno a una campagna. Come sta succedendo per i referendum del 12 e 13 giugno.

L’articolo continua qui.

Dopo la campagna elettorale, ecco una nuova occasione per misurare la capacità di mobilitazione del web 2.0 italiano: i referendum. Nell’epoca in cui vince non chi conquista il centro ma chi porta la maggiorparte dei suoi a votare, Twitter e Facebook sono l’avanguardia. Se la vittoria di Pisapia, almeno in parte, l’ha mostrato, vediamo se riesce anche con il nucleare, l’acqua e il legittimo impedimento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...